martedì 15 gennaio 2008

Io…e il ciclone

Io…e il ciclone (1928 , regia Charles F. Reiner)



Cosa volete farci, qui a Cinedelia la nostalgia ha preso il sopravvento e oggi abbiamo deciso di scomodare Buster “The Great Stone Face” Keaton, l’altra faccia (insieme a Chaplin) del film muto, quella seria, triste, sognante e rassegnata (non sappiamo perché, non sappiamo nei confronti di chi).
“Io…e il ciclone” è stato girato nel bel mezzo di quell’evoluzione, che tanto ha sconvolto chi della settima arte aveva fatto la sua ragione di vita (Keaton compreso):
L’avvento del sonoro.
Ma sempre cinema muto rimane, tra i più splendidi.
A chi il merito se non al “Fenomeno” (leggenda vuole che il soprannome gli fu dato da Harry Houdini in persona)? Così esile, ma capace di reggere l’intero peso di un film sulle sue spalle, affidandosi ad una fisicità senza eguali, ad una prestanza atletica straordinaria e a quell’impassibilità che tanto è riuscita a comunicarci.
Lui è Steamboat Bill Jr., ma non è propriamente un lupo di mare come l’arcigno genitore.
Rivedendosi dopo anni, i due non vanno mica d’accordo.
Ci penserà uno sgradito (ma fortuito) ciclone a sistemare le cose, salvando la famiglia e portando l’amore (fraterno e non solo) lì, dove prima regnava l’odio.
Le risate sono assicurate e fanno a gara con lo sbigottimento.
Provate a guardare la (famosa) scena del ciclone e poi ditemi se non ho ragione, ha dell’incredibile.
Oggi, aiutati dalla grafica digitale, si è come persa quella magia, ma la cosa che veramente non si potrà mai più recuperare è la magica essenza dei grandi attori di una volta, capaci di trovare qualcosa da dire persino lì, dove il silenzio regna incontrastato.
Il paragone con Chaplin, è forse il più banale e nessuno può negarlo.
Certo è che due attori non sono mai statì così vicini e così lontani allo stesso tempo ed è proprio il protagonista che sembra volercelo dimostrare, subito dopo la sua apparizione.
Quei baffetti, con i quali ci viene presentato, sono così simili a quelli del collega che tagliarli sembra proprio l’unica scelta.
E’ un po’ come dirci:
“Con tutto il dovuto rispetto, ma io sono Buster Keaton e non quell’altro!”.

26 commenti:

Mario Scafidi ha detto...

mente non amo molto buster keaton. sono tra quelli che sostengono a spada tratta chaplin!

filippo ha detto...

Personalmente li adoro tutti e due...di Buster Keaton ho visto però molto poco.
Non saprei veramente chi scegliere, anche perchè, pur essendo praticamente contemporanei, sono completamente diversi...

Zonekiller ha detto...

Due grandi senza dubbio, uno osannato in ogni dove, l'altro un bel po' dimenticato...per me comunque "Il cameraman" e "La palla n° 13" di Keaton sono inarrivabili e poi... riguardo a Chaplin mi echeggiano nella mente le illuminanti parole del maestro Luis Bunuel "Chaplin ha pianto, mi dicono, quando gli hanno dato sul palcoscenico del Palais le insegne di commendatore della Legion d'onore. Non mi è piaciuto proprio per niente, ma niente. Non bisogna aver pietà di sé stessi"...

chimy ha detto...

Buster Keaton è un attore (e regista) immenso: ti consiglio "La palla nr.13" che per me è uno dei più bei film della storia.
Io preferisco Chaplin, ma solo perchè quest'ultimo è, per me, il Cinema.

Ti devo anche dare una tristissima notizia (che non c'entra una mazza...) se non la sai già: faranno il remake di "Ultimatuma alla terra"... all'incubo remake non c'è mai fine.


Un triste saluto

Lilith ha detto...

Hey... troppo deluso dalla sala ti sei messo a ubriacarti di cinema muto!
Io comunque resto fedelissima a Charlot!

Iohannes ha detto...

Mi fa piacere vedere post come questi: troppo spesso nei cine-blog si finisce per parlare dei film usciti in sala in settimana.

Bisogna avere il coraggio di proporre le pellicole di un tempo, o ci perderemo per strada, finiremo per non apprezzare più nulla.

O si finirà per idolatrare soltanto Tarantino ;)

Bye!

Pickpocket83 ha detto...

Ma che bello...mi piaccioni i post(i) in cui la nostalgia prende il sopravvento! e poi Buster Keaton...signori...lui sì che è leggenda! ;-)

filippo ha detto...

@ zonekiller: non conoscevo quest'aneddoto su bunuel...sarcastico ma cattivello...

@ chimy: mio dio...non lo sapevo!:(
Grazie per il consiglio!

@ lilith: hai proprio indovinato!;)

@ iohannes: non dirlo a me...io poi per il cinema muto provo una specie di adorazione!
Tarantino...sicuramente finirà ad omaggiare anche quello!;)

@ pickpocket83: quì ogni tanto ci proviamo...cercando di mantenere il massimo rispetto nei confronti di queste leggende immortali...;)

Anonimo ha detto...

Grandissimo Chaplin, di Keaton so ben poco, ma tenterò di rimediare ^^
Ale55andra

chimy ha detto...

Vuoi che ti dico tutto o preferisci rimanerne all'oscuro?

(io se potessi tornare indietro preferirei non saperne niente....)

filippo ha detto...

@ ale55andra: rimedia assolutamente perchè ne vale la pena!;)

@ chimy: non posso vivere con questo tormento.
Spara, cercherò di reggere il colpo!^^

chimy ha detto...

Allora con calma:

Regista: Scott Derrickson, io non mi pronuncio perchè non ho visto nessuno dei suoi due film precedenti: "L'esorcismo di Emily Rose" e "Hellraiser 5" (ahi...).Dimmi te se conosci...

Sceneggiatore: un uomo misterioso di nome David Scarpa che nella sua vita ha scritto, per ora, solo una sceneggiatura... però di un film straordinario (ironia..molta ironia): "Il castello" con Robert Redford e James Gandolfini. Un film imprescindibile per ogni cinefilo (sale l'ironia)che ha fatto la storia del cinema del nuovo millennio (ironia al culmine).

Attori: (probabilmente il tasto meno dolente... anche se non ne sono sicuro) Jennifer Connelly (bene) fa Helen, Keanu Reeves (non me lo vedo per un cazzo) fa il mitico (nell'originale) Klaatu e infine (mmmm...mmmm...mmmm: mugolii di incertezza) il figlio di Will Smith che ha recitato nell'ultimo capolavoro di Muccino (ecco è tornata l'ironia...) fa il bambino.


ehm... per favore commenta qualcosa che così sto tranquillo. Ho paura che non hai retto il colpo...^^

filippo ha detto...

ok...è stato un colpo più duro di quanto pensassi, ma ce l'ho fatta!;)

Sul regista, posso dirti che ho visto Emily Rose e non è poi così male, su Hellraiser V non posso dire niente (anche perchè dopo il 3 e quello ambientato sull'astronave mi sono rifiutato di vederli).

Purtroppo quel capolavoro millenario (ironia...sempre ironia...) destinato ad essere ricordato nei manuali di storia del cinema (ma quanta ironia...) e conosciuto con il nome di "Il Castello" non l'ho visto e, dato che mi spaccio per cinefilo, un pò me ne vergogno (vagonate di ironia...).

Keanu Reeves dovrebbe interpretare Klaatu? Vabbè, no comment.
Ma il cast è ufficiale?
Avrebbero potuto scegliere, che so, Billy Bob Thornton (non mi dispiacerebbe...^^)...

In conclusione:
Parto prevenuto, ovviamente.
Però c'è da dire una cosa:
Se sfruttato bene, il significato del film originale, potrebbe essere utilissimo oggi.
Ma tanto so già che ne uscirà fuori l'ennesimo blockbuster...

Deneil ha detto...

di keaton so meno che di chaplin (di cui ho visto qualcosa ma di cui so comunque molto poco)..eppure la recensione è scritta sempre così bene che mi fa pensare:bene ora lo prendo!ora lo vedo e gli dico subito che ne penso!complimenti sinceri!ora cerco di recuperarlo!

chimy ha detto...

Infatti come dicevamo qualche tempo fa, uno degli elementi più interessanti (e forse il più importante) dell'originale era l'utilizzo della fantascienza per fare una forte riflessione sociale...

Mah... speriamo che sia decoroso questo remake...

Cmq il cast è ufficiale...

Andrò a vedermi Emily Rose che (questa volta senza ironia ^^) è già da un pò che voglio recuperare.

Un saluto

Luciano ha detto...

Mi fa piacere leggere ogni tanto recensioni di vecchi film e che film! Concordo in pieno con la tua recensione. Concordo anche con Chimy riguardo "La palla n. 13".

filippo ha detto...

@ deneil: sempre troppo buono!:)
Cmq questo te lo consiglio veramente...un pò ti conosco e vista la tua passione/ammirazione per gli effetti speciali vecchia maniera (cosa che ci unisce), questo devi assolutamente vederlo per la sequenza finale del ciclone.
Ti giuro, è incredibile (soprattutto se conti che è stata girate nel 1929).

@ chimy: mah...speriamo.
Anche se keanu reeves non me lo vedo proprio a fare il monologo finale...

@ luciano: e per me è un piacere scrivere di questi film...:)
La palla nr 13 cercherò di procurarmelo al più presto...

claudio ha detto...

questo me manca, ma con buster keaton mi inchino e non parlo...

vedo i suoi film e ammiro...

Mr. Hamlin ha detto...

Ok, faccio outing.
Non ho mai visto nulla di Keaton... :-(

Ma prometto di colmare al più presto questa mia lacuna, magari partendo proprio da questo.

Come sempre ottima recensione.

filippo ha detto...

@ mr hamlin: recuperalo assolutamente!
Questo film poi lo trovi su dvd (exa entertainment), a 5€...

honeyboy ha detto...

ma quanto ti voglio bene per aver parlato del mitico buster?
se tutti postassimo qualcosa su keaton una volta al mese questo mondo sarebbe senz'altro migliore
con l'avvento del sonoro ce lo siamo un po' dimenticato, poveraccio
eppure è un grande (la palla numero 13 è uno dei capolavori assoluti della storia del cinema... da guardare in combinata con la rosa purpurea del cairo di woody allen)
scegliere tra lui e chaplin non va fatto, li prendiamo entrambi! :)

honeyboy ha detto...

preso dall'emozione keatoniana quasi dimenticavo, questo purtroppo mi manca, ma rimedierò sicuramente!

Mr. Hamlin ha detto...

Segnato per la mia prossima tornata di acquisti di dvd (ormai li compro "a blocchi" di 10-12 titoli alla volta...) :-)

filippo ha detto...

@ honeyboy: infatti, non scegliamo!^^
rimedia, rimedia...io farò lo stesso con la palla nr. 13...;)

@ mr hamlin: io compro ogni volta che vedo un titolo interessante...il problema è che succede moooolto spesso...;)

claudio ha detto...

c'è un bel cofanetto keaton a 29 euri 4 film (di cui però non ricordo i titoli... )

MASH ha detto...

Daccordo uno dei suoi migliori! diverso da chaplin ma anche lui mi ha fatto ridere e sognare ( e tanto..), li ho visti quasi tutti i suoi film!!!
purtroppo non gode di molta fama, almeno qua in italia, e questo mi dispiace! mi ricordo che una volta ad un programma di bonolis, c'era una sua fotografia, presa in un'altro contesto e nessuno lo ha riconosciuto! Resterà un Genio da molti non compreso!

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...