venerdì 4 dicembre 2009

The Final Destination

The Final Destination (2009, regia David R. Ellis)



Durante una gara di auto da corsa, un ragazzo ha una premonizione, grazie alla quale riesce a salvare lui, i suoi amici e un gruppo di persone da morte certa. La gioia di essere sopravvissuti lascia presto spazio alla disperazione. Il destino non si può cambiare e la morte deve fare il suo corso.

In fondo ad un qualsiasi Final Destination non serve molto per dirsi compiuto: un abbozzo di trama, qualche giovane speranza del cinema da far morire nel modo più assurdo e il gioco è fatto. Certo, possedere queste caratteristiche non lo rende per forza un buon prodotto, soprattutto se non viene cambiato di una virgola dal 2000, anno di uscita del primo capitolo della saga. Ci voleva un’idea che portasse un ventata d’aria nuova, sbloccando gli ingranaggi di un franchise che ormai aveva ben poco da dire, e i produttori l’hanno avuta: il 3D. Cosa succede? Che anche questo The Final Destination è uguale a tutti gli altri, solo che questa volta gli schizzi di sangue e i vari utensili, che mai avreste potuto pensare in grado di uccidere una persona, vi arrivano dritti in faccia. Alla fine non gli serviva altro, lo spettacolo funziona, ma mette anche in evidenza il fatto che questa saga ha ormai da tempo sparato le sue ultime cartucce. Ed è stato proprio il modo in cui l’hanno concepita che gli ha tagliato le gambe. Volendolo paragonare a Saw, l’altro franchise horror del momento, Final Destination perde proprio perché non ha mai potuto poggiarsi su una base solida. Non ha mai avuto un personaggio fisso cui potersi riferire, come Jigsaw, ma solo un canovaccio da declinare all’infinto. Una corda troppo esile, che ha retto anche più del tempo previsto.

Se togliete questo cosa rimane? Un gruppo di perfetti sconosciuti, provenienti più che altro dalla televisione; un regista, David R. Ellis, il cui titolo migliore finora è Snakes on a Plane (e questo la dice lunga); qualche scena ben orchestrata e un paio di brividi da dolby. Il tutto per dar vita ad un remake che da quasi dieci anni continua a spacciarsi per sequel.

Pubblicato su ScreenWEEK

5 commenti:

Anonimo ha detto...

Io mi fermai al secondo credo...però sono curiosa di questo in 3D...

Ale55andra

Deneil ha detto...

Considerando che già il secondo faceva abbastanza pena (e il terzo non lo vidi) e che l'unico film visto in 3d con attori in carne e ossa è stato San valentino di sangue e per la carità di Dio era qualcosa di invedibile....ecco considerando tutto ciò mi fido del tuo giudizio e lascio perdere!

DNAcinema ha detto...

ciao! ha aperto i battenti il nuovo portale di cinema direttamente dagli studios di Cinecittà. News, recensioni, anteprime, foto, video e tanto altro ancora; e se vuoi collaborare con noi scrivendo recensioni scrivici @ dnacinema@yahoo.it http://dnacinema.blogspot.com/ P.S. Complimenti per il blog, ottimo lavoro! (saresti daccordo per un'affiliazione? ci terrei particolarmente...) A presto! Lorenzo

AmosGitai ha detto...

Nell'augurarti buon anno invito te e i tuoi lettori a votare i migliori film ed interpreti del 2009.

VOTA I MIGLIORI FILM ED INTERPRETI DEL 2009!

Vision ha detto...

sponsorizzando il mio secondo blog...
...voglio semplicemente dirvi di diffondere la notizia, poiché è nato sulla rete un nuovo spazio indipendente che cercherò di rendere interessante il più possibile...

questa la presentazione:

"Turn Out The Lights" è un verso di "When The Music's Over" (1967), scritta da Jim Morrison, voce e anima dei Doors [in una live performance nell'immagine di sopra], a cui è appunto tributato questo modesto spazio sul web.

Nel seguente blog, io, Vision, posterò solo videoclips musicali, a casaccio, senza un ordine ben preciso, intenzioni filosofico-esponenziali o capacità di revisioni misteriose...
...quindi, in sostanza, quando non avrò un cazzo da fare, dipingerò i pezzi migliori del mosaico multiforme in cui si impregna uno dei connubi più affascinanti dell'arte moderna: quello tra musica e fotografia.

...naturalmente invito tutti i lettori/spettatori a seguire il blog, con commenti sensazionali ed emozionali...

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...