venerdì 12 ottobre 2007

Michael Clayton

Michael Clayton (2007 , regia Tony Gilroy)



Che questo “Michael Clayton”, opera prima dell’esordiente Tony Gilroy (già apprezzato come sceneggiatore), sia un buon legal thriller, è certo.
Ma è altrettanto vero che non aggiunge niente di nuovo a questa abusata categoria cinematografica (e televisiva), risultando così solo una patinata ripetizione di cliché ormai triti e ritriti.
Accettiamolo per quello che è dunque, ma non ignoriamone i difetti.
Il cast c’è, pure ben assortito, ma non può nulla contro una trama piatta e carente di tensione.
George Clooney (più pacioso che mai), ci prova e c’è da dire che risulta anche piuttosto convincente nei panni del finto cinico (certo che gli anni ’50 erano tutta un’altra cosa…).
Il messaggio che ci manda è universale (e, di questi tempi, risulta quasi ovvio):
Tutti, prima o poi, dobbiamo fare i conti con il nostro (cattivo) operato e se qualche mese fa il male si poteva identificare con una manciata di diamanti, ora indossa le mentite spoglie di chi si erge a difensore del pianeta, macinando innumerevoli vittime.
Qualcuno ha detto che questo film, nelle mani di Michael Mann, sarebbe diventato un capolavoro.
A che serve sognare dico io?


21 commenti:

honeyboy ha detto...

io direi che con un clooney alla regia sarebbe stato migliore
con mann? meglio non pensarci ^^

filippo ha detto...

è vero...un clooney alla regia sarebbe stato decisamente meglio...una mia amica (rovistata) ha fatto un ragionemato simile, dicendo che ciò che si aspettava era una specie di Good night and good luck...
Bu...io non so cosa dire...in fondo i legal thriller non mi sono mai piaciuti tanto...
Questo dal trailer sembrava tutta un'altra cosa...maledetti trailer!

honeyboy ha detto...

good night and good luck è un filmone, da conservare negli archivi :-)
i trailer sono sempre devianti, o quasi!

Trinity ha detto...

wow giallo anche tu
contribuisci ad alleggerire il mio senso di colpa, dato che non lo andrò a veere!!
grazie fil, sei un amico!! ;-)

Deneil ha detto...

concordo in pieno con trinity..il giallo mi permette di non sentiri troppo in colpa per non averlo visto..mentre cerco do procurarmi l'invasione degli ultracorpi per la visione di invasion (dio mio ho paura che sia davvero pessimo) sono andato a cinemambiente a torino a vedere il nuovo documentario di dicaprio sull'ambiente..e mi sono spaventato..non poco..lo puoi notare dalla mia rece..

rovistata ha detto...

grazie per la citazione...cmq per me sei stato troppo buono..sto film è tenuto in piedi solo da buoni attori, ma anche la loro bravura non può nulla se non sostenuta da una buona sceneggiatura

Luciano ha detto...

Non so che fare con questo film. Ne ho sentito parlare bene e anche un po' meno bene. Forse lo aspetterò sul DVD. Grazie Filippo. A presto.

Mr. Hamlin ha detto...

Ciao, Mann l'ho tirato in ballo io citando a mia volta il recensore di Film tv che appunto si chiedeva che ne sarebbe stato nelle sue mani.

Comunque a me Michael Clayton non è dispiaciuto, anche se una maggior asciuttezza nella parte centrale gli avrebbe giovato. Ho trovato i personaggi ben definiti e apprezzato molto Wilkinson.

Riguardo Good night and good luck mi accodo ai giudizi positivi letti negli altri commenti, ottimo film!

Ciao,
Mr. Hamlin

filippo ha detto...

@ honeyboy: concordo...sia sui trailer che sul film...;)

@ trinity: figurati...^^

@ deneil: anch'io sto cercando di procurarmi l'invasione degli ultracorpi...^^

@ rovistata: addirittura! appena ho tempo vengo a leggere la tua allora...^^

@ luciano: solitamentew i film che dividono i giudizi mi attirano...non so se è lo stesso anche per te...resta il fatto che un film del genere si può benissimo vedere in dvd...

@ mr hamlin: anch'io mi riferivo al critico di film tv...^^
Grazie per la visita...

Anonimo ha detto...

Bè Clooney alla regia ha dato prova di essere bravo sia col bellissimo Good night and good luck, sia con Confessioni di una mente pericolosa.

Edo ha detto...

Good night and good luck molto bello. Su Michael Clayton sono d'accordissimo. La sceneggiatura è veramente scritta con i piedi. Ma anche a me i legal thriller non piacciono più di tanto.

Stefano Miraglia ha detto...

Assolutamente Clooney alla regia sarebbe stato mooolto meglio, e sono rimasto deluso da sta puttanata.... e dire che i legal thriller non mi dispiacciono...

filippo ha detto...

@ anonimo: verissimo

@ edo: eh eh...ma non credo che la nostra avversione verso il genere abbia influito sul giudizio...

@ stefano miraglia: Vedo che molti sono rimasti delusi dal film...almeno non sono solo...^^

Mr. Hamlin ha detto...

X Filippo: Riguardo il fraintendimento sulla citazione di Mann ti ho risposto sul mio blog, ma comunque è dipeso dall'aver lasciato da qualche parte (mi ricordassi dove...) un commento in cui facevo riferimento a quell'ipotesi. Ma, tornando a monte, questo è molto meno legal thriller di altri, che poi non ti/vi (visto che l'avete stroncato in molti) è un altro discorso. :-)

X Edo: naturalmente può non piacere, ma sostenere che la sceneggiatura sia stata scritta coi piedi mi pare molto ingeneroso nei confronti del povero Gilroy.

Ciao,
Mr. Hamlin

Chiara ha detto...

Ho scritto anche io che poteva essere un film diverso. Ha una trama forte ed un interprete grandioso. A mio avviso, sogni a parte, questop è stato un gran bel film.

filippo ha detto...

@ mr hamlin: ammetto la mia ignoranza nel campo legal thriller...ne conosco veramente pochi...^^

@ chiara: la tua rece mi era sfuggita...corro subito a leggerla...

Anonimo ha detto...

Bene mi trovo in netta minoranza:
-non solo mi è piaciuto molto questo film
-ho odiato profondamente GOOD NIGHT AND GOOD LUCK, trovandolo di un falso storico sconcertante, senza una linea guida (un documentario?un film?un biopic?un thriller?) e con interpretazioni nella media.
MrDAVIS

filippo ha detto...

Corro subito a leggere quello che hai scritto...

simone ha detto...

mh, sarei curioso di vederlo, detto per inciso, appoggio la definizione di filmone per good night and good luck :-)

Mr. Hamlin ha detto...

@ Filippo: i legal thriller alla Grisham (per citare quelli di maggior successo recente) non hanno mai fatto impazzire anche me. Qualcuno l'ho visto, ma me lo sono presto dimenticato. Trovo invece che "Michael Clayton" bilanci bene le sue componenti e, soprattutto, non entri quasi mai nelle aule di tribunale. Cosa per la quale sarò eternamente grato a Gilroy... :-)

Mr. Davis: la tua, come tutte le opinioni, è lecita. Ma... perché un falso storico? Il maccartismo è una macchia di fatto, non un opinione. A tal proposito, se mi è permesso, vorrei consigliare "Il prestanome" di Martin Ritt. Uno che quel periodo l'ha vissuto sulla sua pelle.

filippo ha detto...

@ simone: vedilo...magari ti potrebbe piacerere...

@ mr hamlin: beh si...su questo hai ragione...ma personalmente mi sono parecchio annoiato durante la visione...

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...