martedì 19 giugno 2007

Turistas

Turistas (2006 , regia John Stockwell)



Chi tardi arriva, male alloggia.
Magari non sarebbe stata la stessa cosa se questo film non fosse uscito dopo un ben più famoso horror vacanziero. Magari sarebbe stato diverso se anche questo si fosse avvalso della garanzia di un grosso nome tra i produttori. Magari sarebbe passato meno in sordina se non fosse uscito poco tempo prima del (già fortunato) seguito del suo predecessore (ovviamente mi riferisco a “Hostel” in tutti e tre i casi). Ma si sa, nella vita tutto dipende dalle propizie occasioni (e situazioni) e con questi presupposti “Turistas” era già condannato all’invisibilità.
C’è da dire che comunque il film non si impegna molto per uscire da questa situazione. La storia punta sulla novità (se così si può dire) del tema scabroso, raccontando la disavventura di un gruppo di giovani ragazzi americani in vacanza in Brasile, scelti loro malgrado da un manipolo di loschi figuri locali, dediti al traffico illegale di organi (pensate, ci scappa pure una semi-morale).
Come da copione il film è diviso in due parti ben distinte: una prima, dedita alla spensieratezza vacanziera e una seconda dedita all’orrore. Le scene violente ci sono (meno di quanto si possa pensare), l’azione pure e la natura incontaminata (sebbene ultra-patinata) non manca. Tutte cose che contribuiscono a dare al film quel tanto che basta per reggersi.
Ma non è detto che ci si debba per forza accontentare…





4 commenti:

Lilith ha detto...

Sono d'accordo la data di uscita non l'hanno aiutato... lo stesso intuivo che comunque non fosse nulla di che!

Trinity ha detto...

oddio, il film è uscito almeno due settimane prima di hostel 2. l'altro riferimento al momento non mi sovviene, ma comunque penso anche che il pubblico si sia un po' rotto di questi horror che spuntano come funghi, senza essere realmente incisivi..
Prendi pure The messengers che uscirà a breve! Ma bastaaaa!!

filippo ha detto...

@ lilith & trinity: il problema reale è che ormai c'è carenza di fantasia e non appena un progetto (sebbene mediocre) come hostel ha un gran riscontro di pubblico, subito escono altri mille cloni...oltretutto il successo di hostel è dovuto alla produzione di tarantino (io ogni tanto quello non lo capisco proprio)...turistas è uscito nel momento sbagliato, quando già l'attenzione era del tutto (o quasi) puntata su hostel 2 (sempre prodotto da tarantino...mah!)

Trinity ha detto...

Non so assolutamente come sia hostel, perché non l'ho mai visto e mai lo vedrò, non er spocchia, ma x impossibilità psico-fisica(me la faccio sotto!!) ;-)
Sul fatto che sia mediocre ci credo benissimo.
Beh, Eli Roth è il pupillo di Tarantino... rassegnamoci!
Ciao!

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...