mercoledì 6 giugno 2007

Crash - Contatto fisico

Crash – Contatto fisico (2004 , regia Paul Haggis)



La verità è che se potessimo guardare tutto da un’altra prospettiva, ogni cosa acquisterebbe un’altra forma.
La polifonia è l’essenza di tutto, storie su storie collegate tra loro in maniera involontaria. Paul Haggins lo sa bene. Ricordando quello che Altman ci ha più volte detto, il regista racconta un frammento di vita, ci mostra una porzione di realtà non basandosi sul protagonismo, ma sulla casualità degli eventi (che poi è l’essenza di tutto).
Haggins non è un comune esordiente. La sua opera prima arriva dopo i cinquant’anni e risente della saggezza accumulata nel tempo. E’ per questo che, “appena nato”, grazie a questo film è riuscito a vincere ben tre oscar (miglior film, sceneggiatura, montaggio). Ma “Crash” non vive di sola regia (benché impeccabile), vive per la sua purezza. Incanta perché non giudica come vuole far sembrare, cataloga le persone per attendere la dovuta smentita. Commuove, facendoci credere che in fondo nessuno è veramente cattivo, ognuno ha le sue ragioni.
Nell’esibizione del razzismo, tema portante della vicenda, il film non trova la sua tomba, trova la sua via di riscatto e, sebbene con drammaticità, riesce nel finale a lasciare la sensazione che in questo mondo frenetico, con i suoi impegni e il suo menefreghismo latente, esiste ancora un barlume di speranza. Ed è duro a morire.




17 commenti:

Chiara ha detto...

.. "Facendoci credere che in fondo nessuno è veramente cattivo, ognuno ha le sue ragioni" la parola chiave è "credere". Questo sottointende che non è così (come la penso anche io), ma è talmente bravo a rappresentarlo da farcelo sembrare giusto. Grandioso!
Il film non l'ho visto, ma ne ho voglia! Mitico!
A presto.

trinity ha detto...

Finito il film mi sono sentita sottosopra.. come se fossi stata in un frullatore!
Higgins mostra la vita reale in tutta la sua drammaticità e i luoghi comuni di cui siamo schiavi..
Però è vero, alla fine lascia un barlume di speranza.
Ciao!

filippo ha detto...

@ Chiara: vedilo vedilo...anch'io lo visto in ritardo...al cinema l'ho snobbato senza un motivo generale, lo reputavo a priori un brutto film...NON E' ASSOLUTAMENTE COSI'...

@ trinity: già...anch'io nel finale ho provato una strana sensazione...tristezza mista a qualcos'altro di un pò più positivo...

rovistata ha detto...

su questo film si potrebbero dire milioni di cose.io continuo a pensare che il film si basa su un semplicissiomo principio. TUTTI SIAMO NOI STESSI E IL CONTRARIO DI NOI STESSI..e se ci pensi bene è una buona cosa perchè non si dovrebbe essere imbrigliati in una rete di atteggiamenti prestabiliti dagli altri..l'ultimo pensiero che ti viene in mente è proprio: continuare a credere di poter cambiare di nuovo.

rovistata ha detto...

ps. sei stato troppo avaro con la faccina. io personalmente gli avrei messo DA VEDERE ASSOLUTISSIMAMENTE... ma mi sa che la devi ancora creare quella faccina

filippo ha detto...

Anch'io nel film ho ritrovato questo pensiero...nessuno è veramente buono o cattivo...che se ci rifletti è un concetto abbastanza banalotto e usurato...ma all'interno della pellicola funziona perfettamente...
Per quanto riguarda le faccina, vedrò di crearne una apposta per "Crash"...;)

filippo ha detto...

Ho appena visto che tu gli hai dato 7.5...alla fine non siamo così distanti nella valutazione allora...;)

Lilith ha detto...

Questo filmi mi è piaciuto tantissimo... ho provato a condividerlo con qualcuno ma senza grande successo! L'idea di fondo è molto bella, ma soprattutto mi piacciono sempre i registi che mescolano le carte in tavola!

filippo ha detto...

Vuoi dire che hai trovato poche persone a cui è piaciuto? Strano però...
A dire la verità anch'io ero abbastanza prevenuto nei confronti di questo film (senza un motivo particolare)...essere smentiti è stato un grandissimo piacere...

Anonimo ha detto...

Bello Crash! Lo vidi tempo fa, ma ricordo che mi piacque molto e che lo rividi due tre volte, il mio voto fu 7 o 7,5 nn ricordo precisamente ^_-
Ale55andra

Anonimo ha detto...

Filippo ma mi sono resa conto ora che sei di Trani! Anche io!!! ^_-
Ale55andra

filippo ha detto...

Allora è proprio vero che il mondo è piccolo...:)
Sono contento di sapere che nella mia città ci sono altre persone che condividono i miei stessi interessi...;)

rovistata ha detto...

non penso proprio che l'idea di fondo sia banale, tra l'altro poi è reso in un modo cosi naturale da apparire realmente possibile...vero (che parolona per un film)

filippo ha detto...

forse mi sono espresso male...intendevo dire che di film corali ne hanno fatti tanti...molti sanno di già visto...questo no...
Sul fatto che possa essere plausibile...non so...ma il film riesce a fartelo credere e questa è al cosa più importante...

rovistata ha detto...

sono d'accordo con te... (sull'ultima cosa che hai detto)

Lilith ha detto...

@ Filippo: no, semplicemente ho cercato di guardarlo con i miei e mia madre si è addormentata, mentre mio padre ha detto che non era granchè. Conosco anche persone a cui è piaciuto, ma non ho avuto la fortuna di condividere la visione con loro! ;)

flavia ha detto...

ke bel film!

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...