giovedì 29 maggio 2008

Slipstream

Slipstream – Nella mente oscura di H. (2007, regia Anthony Hopkins)



Quel sottotitolo dal retrogusto Kafkiano, aggiunto per la versione Italiana, è alquanto categorico.
Una volta visto il film infatti non ci sono dubbi sul fatto che l’H in questione stia proprio per Hopkins e che quella mente oscura sia proprio la sua.
Slipstream, terza regia dell’ex Hannibal Lecter (qui anche sceneggiatore e autore delle musiche) è una di quelle pellicole capaci di risultare interessanti per i primi venti minuti, con quel suo campionario di incongruenza registiche, stilistiche e formali, amplificate in modo tale da farle diventare maniera, ma in un ora e mezza riesce soltanto a mettere a dura prova la pazienza dello spettatore, sballottato senza criterio all’interno di un mondo che sembra attingere a più mani da tutta una filmografia di genere.
Si va da Lynch a Stone, passando per Gilliam. Il tutto affidato alle sapienti doti di un cast che può vantare, oltre allo stesso regista, nomi del calibro di John Turturro o Christian Slater.
Ma tutto si riduce ad uno sfoggio di tecnica che, sebbene interessante, lascia il tempo che trova, risultando però coerente con la trama in questione, che non racconta altro se non la storia di un brutto film.

7 commenti:

gahan ha detto...

>>>Ma tutto si riduce ad uno sfoggio di tecnica che, sebbene interessante, lascia il tempo che trova, risultando però coerente con la trama in questione, che non racconta altro se non la storia di un brutto film.

Esatto, più o meno! Non maligno, dai-- :)

filippo ha detto...

alla fine è interessante come film, anche se dopo la prima metà non vedevo l'ora che finisse.

Ricordo di aver letto una recensione che lo definiva "Un interessante fallimento", forse è la definizione più esatta...

Deneil ha detto...

il film di hopkins...ne avevo letto solo una rece e non ne parlava male anche se anche li si sottolineava il fatto come dopo una prima parte si cade in un certo manierismo!distribuito per quanto ne so in 10 sale.........

filippo ha detto...

infatti, è proprio questo manierismo che mi ha messo a dura prova...non c'è un attimo di tregua...

Roberto Fusco Junior ha detto...

Un film da evitare insomma. Comunque non ne sapevo l'esistenza.

filippo ha detto...

Non so, magari un'occhiata dagliela lo stesso...

Steve McQueen ha detto...

Esatto.
Quoto la definizione un'interessante fallimento.

Byez

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...